Campo Insanguinato

TITOLO: CAMPO INSANGUINATO

AUTORE:  Michael Foley

EDITORE: Bradipolibri

ANNO PUBBLICAZIONE: 2022

PAGINE : 368

PREZZO : 22

Non é propriamente in libro di calcio, almeno per come lo consideriamo alle nostre latitudini, ma é davvero una testimonianza precisa e sentita di un tragico avvenimento avvenimento, che é risultato decisivo per la risoluzione della Guerra d’Indipendenza irlandese.

Michael Foley racconta, attraverso un lavoro di ricerca strepitoso, le fasi ed i personaggi chiave, protagonisti, anche loro malgrado, dell’ insanguinata giornata del 21 novembre 1920. 

L’autore caratterizza al meglio i personaggi, romanzando il tutto giusto un poco, in modo da delinearne al meglio gli ideali, gli intenti ed anche gli stenti di un’epoca durissima. Le opposte fazioni vengono raccontante nelle loro peculiarità, concatenando al meglio le diverse fasi di un atavico quanto tremendo antagonismo e fornendo le basi per chiarire al meglio le origini dello stesso. Nella molteplicità di caratteri e nelle forza di tante personalità il lettore può apprezzare e validare la purezza degli intento, controbilanciata dalla freddezza con la quale si eseguono esecuzioni sommarie e ritorsioni.

Foley racconta la guerra così come deve essere fatto, con concretezza e rigore, aggiungendovi quelle motivazioni e quelle ricostruzioni che permettono anche al neofita di addentrarsi in in contesto fatto di tensione ed, ahimè, di sciagure. L’autore rende altresì al meglio il rapporto tra gli sport gaeilici e la comunità irlandese, con sfide, come quelle del Croke Park, che richiamano tanto spettatori e fingono davvero da mezzo per sfogare le proprie tensioni giornaliere e per perorare idealmente ì propri ideali.

Grande merito va anche al traduttore Simone Bertelegni, il quale nelle prefazione e postfazione chiarisce al meglio le idee e fornisce quei dettagli atti a meglio comprendere determinate situazioni, consolidate consuetudini e l’importanza stessa del calcio gaelico nel periodo e nel contesto raccontato.

Davvero molto interessante il resoconto dell’organizzazione interna dell’IRA e di come ogni missione venisse programmata e messa in atto, ponendo l’accento tanto suo diversi livelli gerarchici che sull’avventatezza di qualche personaggio. Al tempo stesso risultano altresì accattivanti le misure prese dagli organi di polizia, dalle quali emerge tutta la preoccupazione per la situazione in Irlanda, in teoria gestita con interventi mirati, ma molte volte lasciata all’iniziativa di pochi corpi di supporto. La tragedia oggetto di analisi nasce proprio come reazione ad un’azione tremenda ed organizzata dell’IRA. Come già asserito il lavoro di ricerca é stato a for poco certosino, tant’è che l’analisi prosit considera ogni fase pre e post massacro di Croke Park, meravigliando a tratti per l’accuratezza e la ricercatezza di certo dettagli, esempi di estrema precisione, ma anche di grande puntiglio d’indagine.

Devo dire che 324 pagine scorrono via agilmente, grazie ad uno prosa accattivante e precisa, mai pesante o artificiosa, senza inutili ripetizioni o lungaggine anche di fronte a contesti o concetti critici e difficili da esplicare.

Un libro di grande interesse che ancora una volta specifica il ruolo sociale e perché no politico che lo sport può rivestire, anche quale terreno per una delle giornate più tragiche di un conflitto che solamente il buon senso e la necessità di mettervi fine hanno portato ad una soluzione.

Giovanni Fasani

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito web o un blog su WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: