Intervista: Atlante Mourinho

Nel suo libro Furio Zara analizza il personaggio Mourinho e la sua fine psicologia, offrendo al lettore una visione più completa e particolare dello Special One. Ne abbiamo parlato con l’autore.

Cosa l’intriga maggiormente della figura di José Mourinho?

Mou è speciale perché è diverso da tutti i suoi colleghi, più o meno omologati. Di questa diversità ha fatto la propria cifra esistenziale e stilistica. Di lui mi colpisce – lo dico con ammirazione – la straordinaria considerazione che ha di se stesso. Si crede quanto più vicino a Dio esiste sulla faccia della terra. Questa autostima ha insieme qualcosa di urticante e di tenero, ma è sicuramente affascinate.

Il confronto con Helenio Herrera è pertinente anche dal punto di vista tattico?

Parliamo di due epoche diverse, da Herrera a Mourinho la tattica si è evoluta. Se c’è un aspetto che li può accomunare, credo sia l’idea che – prima di tutto – conta la concretezza. Giocare un calcio spettacolare non è previsto, è ben più importante – per HH e JM – lasciare una traccia vincente.

A tal proposito le chiedo se ritiene prevalente la sua abilità di fine psicologo o quella di attento tattico?

Credo che il Mourinho psicologo sia superiore al Mourinho tattico, credo anche che lo stesso Mourinho – naturalmente inclinato all’empatia – abbia lavorato molto di più sotto questo aspetto. Per averne la conferma basta parlare con molti suoi ex giocatori: non si sono mai sentiti così forti come quando sono stati allenati – anche mentalmente – da Mourinho.

Possiamo ritenere il suo Porto come la massima espressione calcistica di José Mourinho?

Credo di sì. Nel Porto di Mourinho erano riassunte tutte le idee di calcio che poi ha sviluppato. All’epoca era un emergente, praticamente sconosciuto, stava prendendo la rincorsa verso la gloria. Quel Porto è stato la sua creatura più favolosa, anche più del Chelsea e dell’Inter, perché in quel Porto c’era tutto il Mourinho che avremmo conosciuto in seguito.

José Mourinho ha bisogno di un nemico per motivarsi maggiormente?

E’ una questione quasi fisiologica, dunque sì, per dare il meglio di se stesso, Mourinho ha bisogno di individuare un nemico. Deve sentirsi migliore di qualcun altro, e la sua bravura è quella di trasmettere alla sua squadra questa urgenza, questa ambizione.

Per il tecnico di Setubal la sconfitta è propedeutica o rappresenta un figurati colpo al cuore?

All’inizio è un colpo al cuore, perché Mourinho ritiene che la vittoria gli sorrida sempre, quindi reputa ogni sconfitta come un torto. Poi diventa – non sempre – propedeutica. E’ un aspetto relativamente nuovo e che va indagato dell’ultimo Mourinho, quello del secondo decennio del Duemila, mentre l’altro – dal 2000 al 2010 – ha frequentato solo il successo.

Ha ancora senso chiamarlo lo Special One? Cosa pensa di chi lo ritiene “bollito”?

Mourinho – questo va sempre ricordato – è uno dei rarissimi esempi di uomini che si sono dati da soli il soprannome, verrebbe da dire che l’hanno imposto grazie ai successi conquistati. Per questo motivo resterà sempre lo Special One, anche quando la sua carriera comincerà a declinare.

Come vede la sua attuale esperienza a Roma? Riuscirà ad imporsi in una piazza calda e per tanti aspetti critica?

. Quella di Roma è una scommessa. Mou ha già vinto prima di vincere davvero qualcosa, perché ha riacceso la scintilla dell’entusiasmo in una città che aveva bisogno di ritrovare identità e sentimento. Da un punto di vista calcistico la questione è più delicata. La Roma oggi vale dal 5° all’8° posto, basti ricordare che l’anno scorso con Fonseca si è piazzata 7ª e in estate – come ha sottolineato più volte Mourinho – non si è affatto rinforzata. Dunque: se riuscirà a centrare la qualificazione in Champions o persino a vincere una coppa (l’inutile Conference League? La Coppa Italia?) la stagione di Mourinho potrà dirsi più che soddisfacente.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: