Intervista: Il Comunista Che Allenò Pelè

Andrea Schianchi ci regala un bel romanzo sulla breve esperienza di Saldanha sulla panchina del Brasile, mettendone in luce la mentalità e la fierezza delle scelte, fornendo un ritratto preciso e coinvolgente di un personaggio di grande interesse e fascino. Ne abbiamo approfondito i temi con l0autore.

La figura di João Saldanha è finite in quelle pieghe della storia calcistica e non solo dimenticate e raramente rivelate: c’è una motivazione pet tale situazione?

Saldanha è stato dimenticato semplicemente perché il Brasile non voleva attribuire a un comunista l’invenzione della squadra più bella di sempre. Il regime fascista dei militari, i tristemente famosi Gorillas, non tollerava una cosa simile

Tra la fierezza per i propri ideali e il tormento per il proprio passato quale aspetto prevale in Saldanha?

Saldanha era fieramente legato ai propri ideali di giustizia, di solidarietà, di libertà e di uguaglianza. Mai se ne distaccò. Certo, arrivò a un compromesso per vivere, secondo i suoi ideali, in un mondo capitalistico e consumistico.

È giusto affermare che il suo carattere fumantino e talvolta irascibile rispecchiasse anche la sua visione calcistica e la sua impostazione tattica?

Era fumantino, irascibile, ma anche molto astuto. E l’astuzia, come insegna Ulisse, è un’arma decisiva durante una battaglia. Il suo calcio esprimeva il meglio che ci fosse a disposizione in Brasile in quel momento. Si mise in testa di far giocare i migliori, tutto qui. 

Vede delle affinità tra la posizione di Saldanha alla guida del Brasile e quella di César Luis Menotti alla guida dell’Argentina nel 1978?

Difficile trovare, se non nel spessore morale, tra un brasiliano e un argentino. Menotti è stato immenso, anche quando ha pubblicamente dichiarato la sua condanna per la dittatura di Videla. Nel 1978, però, lui e la sua nazionale sono diventati strumenti del regime.

Saldanha mise Rivelino nella sua squadra B: forse mal valutava o sottovalutava il talento della “Patada Atomica”?

Saldanha non sottovalutava Rivelino, semplicemente gli preferiva Edu. E comunque Rivelino faceva parte della lista dei ventidue.

Si è molto discusso del suo rapporto con Pelé: ha suo parere O Rei è stato utilizzato ad arte per screditare Saldanha agli occhi del pubblico?

O Rei è stato utilizzato dal regime per eliminare Saldanha. La storia del problema all’occhio è nota. Però mai Pelè ha detto qualcosa contro Saldanha. E nemmeno Zagallo, il suo successore, che fu uno dei pochi a partecipare al suo funerale nel 1990. 

Qual è l’opinione di Andrea Schianchi sulle ragioni che hanno portato Havelange a scegliere Saldanha?

Il caso. Non sapeva chi scegliere e scelse un giornalista che era un autentico opinion-leader al tempo. Così il popolo sarebbe stato buono. Questa è la reale motivazione.

I vigili del fuoco di La Spezia, Jimmy Hogan, José Saldanha.. ci può anticipare di cosa parlerà la sia prossima fatica o darci qualche indizio?

Il prossimo libro sarà su Joe Di Maggio e il Vecchio e il Mare di Hemingway. Altro non aggiungo…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: