Intervista a Gianni Bellini

Abbiamo avuto il piacere e l’onore di fare quattro chiacchiere con Gianni Bellini, il più grande collezionista di figurine al mondo.

  1. Gianni, raccontaci un po’ la tua storia: quando hai  iniziato a collezionare  figurine? Ho iniziato a collezionare come tutti i bambini alle elementari,parlo dei primi anni 70,scambi con altri bambini,come abbiamo fatto tutti…però la vera scintilla è scattata nel 1983,mi sono sposato,ho ritrovato alcuni dei vecchi album che avevo fatto da bambino ed ho iniziato a collezionare in modo “professionale” come dico a volte io.
  2. Hai scritto anche un libro con il giornalista Lorenzo Longhi  “ 500 figu per un Bordon”, edito dalla Urbone Publishing, di cosa parla? Vorrei subito ringraziare la Urbone Publishing che ha creduto in questo progetto/ idea,ed anche il giornalista che ha tradotto i miei pensieri in un libro.Il libro ripercorre i miei quasi 40 anni dei collezionismo con aneddoti anche (soprattutto) simpatici,credo che per chi si vuole avvicinare al collezionismo di qualsiasi genere,questo libro sia un ottimo aiuto..
  3. Quando hai iniziato a collezionare anche album stranieri? Il mio primo album straniero è stato un album del Football Belga 1977,la cosa è nata molto per caso,infatti ero alla sede della Panini e vedo sul tavolo questo album,non avevo mai visto un album straniero prima,lo presi,andai a casa e mi feci una semplice domanda,se avevano fatto l’album del Belgio potevano avere fatto anche album di altri campionati,e da lì è iniziata questa mia ricerca…
  4. Come  venivi a conoscenza dell’ esistenza di questi album stranieri? Prima era davvero molto difficile rispetto ad oggi? Dopo avere preso l’album di cui sopra in Panini,mi sono posto anche altre domande,la prima è stata,ma se Panini fa album stranieri anche altre ditte le faranno,e da lì mi è nata l’idea di fare annunci su giornali stranieri di calcio (Onze,Don Balon,Voetbal International…)per sapere se qualcuno era a conoscenza di altre case editrici,devo dire che in tutti gli annunci fatti c e’ stata una risposta (in termini di lettere) inaspettata e da li mi sono creato una serie di fidati corrispondenti,che mi fornivano informazioni in tempo reale sulle nuove uscite nei loro paesi,il problema di allora era che si scriveva via lettera e fra invio e risposta passava almeno un mese,di conseguenza per concludere uno scambio si impiegava dai due ai quattro mesi,ma la soddisfazione era enorme,(perchè a differenza di adesso che puoi vedere tutto in anteprima  con foto anche dettagliate),allora quello che arrivava era una vera sorpresa,non sapevi quello che conteneva il pacco  a parte il titolo della raccolta,emozione pura…
  5. Che cos’è il collezionismo per te? Per me il collezionismo è una cosa molto seria,mi ha permesso di conoscere tante persone e comunque fatto al mio livello lo ritengo un modo di promuovere la cultura di un paese.
  6. E’ cambiato molto il collezionismo in questi anni?  Come? Adesso purtroppo il collezionismo è cambiato molto,e non in meglio,mi spiego,adesso più che collezionisti ci sono persone che con la scusa del collezionismo guadagnano tanto,l’esempio lampante è quello che molti “presunti” collezionisti non attaccano le raccolte ma fanno i set staccati,(cioè album più figurine a parte da attaccare) il motivo ? Semplice,hanno molto più valore in caso di vendita,io credo che il vero collezionista come credo di essere io,compra,scambia,ma assolutamente non vende…
  7. Hai mai ricevuto qualche fregatura nello scambio  di figurine ? Diciamo che “fregature” vere e proprie no,nel senso che il materiale concordato è sempre arrivato,ecco,magari le condizioni del materiale arrivato non era proprio quello accordato,ma poi con l’andare del tempo ho posto le condizioni che il materiale che mi deve arrivare deve assolutamente essere perfetto…o quasi.
  8. Il collezionismo ti ha aperto le porte del mondo, in questi anni ha conosciuto tante persone? Sono rimasti colleghi o sono diventati amici?Il bello del collezionismo è che ti fa conoscere tante persone,le figurine appiattiscono tutto,il ceto sociale,l’essere famoso o meno,ho avuto la fortuna di conoscere tante persone del mondo dello spettacolo della Tv,ma anche ex grandi calciatori,in alcuni eventi alcuni di questi calciatori sono stati invitati a presenziare alle mie mostre,devo dire che tutti si sono dimostrati molto disponibili e cordiali.Un ricordo particolare però lo voglio dedicare a Fabrizio Frizzi,lui mi invitò ad una sua trasmissione,fuori onda facemmo una lunga chiacchierata,e grazie ad alcuni sui consigli sono diventato quello che sono adesso…
  9. Hai più di 4000 album di figurine, quale sarà il loro futuro? Il mio grande sogno…creare il primo (e unico) museo al Mondo della figurina di calciatori,ci stò lavorando,purtroppo non è detto che sarà in Italia,le nostre “istituzioni” non sembrano  essere interessate a questa cosa,invece dall’estero ho avuto riconoscimenti importanti,quindi al momento le probabilità di creare il Museo in Italia sono molto basse…

Ti ringraziamo moltissimo per la disponibilità e per la cortesia e ti auguriamo di realizzare i tuoi sogni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: