Intervista: Campioni! 1969

NZO

Il bel libro di Giacomo Grazzini ripercorre la cavalcata della Fiorentina verso il tricolore del 1969, ricordando personaggi, risultati ed avvenimenti a tutti gli amanti del calcio. Ne abbiam parlato con l’autore.

A 50 anni dal successo dei ragazzi yé-yé quali emozioni sono ancora presenti nel suo cuore?

A cinquant’ anni dalla conquista del secondo tricolore,  le  emozioni da me vissute a quell’ epoca  sono sempre rimaste vive dentro di me, perché rappresentano i primi ricordi della mia infanzia , ricordi indelebili e forse irripetibili di una squadra in grado di vincere ben due scudetti a poca distanza temporale l’ uno dall’ altro   . Il ricordo di quel periodo  , purtroppo, rischia di diventare  , oggigiorno  , pura nostalgia , se poniamo a confronto il calcio di ieri con quello di oggi . Il ricordo di ieri purtroppo rischia di diventare pura malinconia se si ripercorre,  con la mente e con il cuore , quelle sensazioni e quei sapori che questo sport ti sapeva   regalare attraverso , per esempio, le immagini televisive in bianco e nero  di novantesimo minuto o attraverso le voci inconfondibili di Enrico Ameri e Sandro Ciotti ,  radiocronisti della trasmissione radiofonica  “tutto il calcio minuto per minuto” . Da quelle voci  potevi aspettarti  di tutto  , anche di essere raggiunto dalla    notizia lungamente  attesa,  quella dell’ 11 maggio 1969 , che trasformò , d’ improvviso, un sogno in realtà, annunciando   da Torino  a tutto lo stivale italiano che la Fiorentina era ancora una volta  campione d’ Italia  .

Qual è stato il merito maggiore del Petisso Pesaola?

Devo premettere che Bruno Pesaola , detto “ il Petisso “ , ovvero il “piccino”,  già nella stagione precedente , da buon stratega quale era , era riuscito a ritagliarsi  momenti di grande gloria  sulla panchina del Napoli,  squadra con la quale  , a fine stagione , aveva ottenuto un ottimo secondo posto , dietro la corrazzata rossonera dell’ imprendibile  Milan . Oltre ad essere stato un buon maestro di calcio ,  Pesaola dimostrò di possedere  anche attitudini  da comprovato   psicologo , riuscendo  , sin da subito, grazie alla sua empatia  ed al suo carisma ,   ad entrare e capire  le personalità e le potenzialità  , ancora acerbe,  ma esplosive ,     dei ragazzi yè yè , infondendo loro fiducia ,  coraggio e consapevolezza di poter raggiungere,  con impegno ed altruismo , mete  inizialmente impensabili. Ricordiamoci , tra l’ altro, che Pesaola ,  all’ inizio del torneo , dovette fare a meno , per motivi di bilancio, di due pedine fondamentali come Albertosi e Bertini , ceduti nella sessione estiva del 1968    rispettivamente al Cagliari ed all’ Inter . Tra i meriti principali  del “ Petisso “ , inoltre, dobbiamo annoverare anche quello  di essere riuscito  a convincere, ad inizio stagione,  il campione del mondo , edizione ‘62, Amarildo ,  a restare un altro  pò  a Firenze , invece di andare altrove , per giocarsi  le sue carte vincenti ,  ancora una volta ,  con indosso la   maglia gloriosa della Fiorentina  che , con   quel  simbolo gigliato  appuntato  all’ altezza del cuore,  fa   da sempre   innamorare

Secondo lei qual è stata la partita della svolta? Quando la Fiorentina ha preso consapevolezza della propria forza? 

La partita della svolta , secondo me  , per assurdo, fu proprio quella che  si risolse   con  l’ unica sconfitta  patita dai viola durante  tutta la  stagione , ovvero il     “ Derby dell’ Appennino” , disputato a Firenze il  3 novembre 1968 contro il Bologna e perso per 3 a 1  . Quella volta i continui assalti di De Sisti e compagni dovettero infrangersi contro la diga insuperabile eretta dalla difesa felsinea , una linea difensiva che fu supportata , in diverse occasioni, anche dalla giornata di grazia del numero uno rossoblù,  “ nonno”  Vavassori. Inoltre, il  giovane Beppe Savoldi , futuro mister due milardi , e Lucio Muiesan , suo partner di attacco , in contropiede , ci punirono oltremisura,  rispetto ai reali valori espressi in campo. Un momento negativo , insomma , che poteva abbattere un leone  , ma che il patto goliardico stipulato da tutta la squadra,  a fine gara, intorno alla chioma , non ancora folta, del libero Ferrante ( “ non vi sarà alcuna  acconciatura sulla chioma di Ugo , sino alla  prossima sconfitta   “ ) , ebbe il merito di trasformarlo in  una scarica elettrizzante   che dette vigore e convinzione a  tutto  il gruppo .Così , da quel momento in poi , “ la Banda del Petisso”  riuscì a non subire più sconfitte sino  alla fine del torneo, rimandando così l’ inauspicato  taglio  della chioma di Ugo Ferrante,  “detto il Sansone italiano “,  alla conclusione del campionato . Per questo la chioma di Ferrante fu  ribattezzata  “ La Chioma dello Scudetto “.  La gara della consapevolezza fu, secondo me,  invece, quella del 9 marzo 1969 giocata a Firenze contro il Vicenza di Hector Puricelli e vinta per 3 a 0 , con doppietta di Luciano Chiarugi. Fu proprio in quella circostanza che , a  fine gara,  la società gigliata  si accorse di poter disporre ,  tra le proprie file, di  una “ Tigre nel Motore “, anzi di un “ Cavallo pazzo”,  in grado di darle , nel rush finale, quella improvvisa accelerazione , per arrivare per primi sul filo di lana dell’ arrivo , lasciandosi alle spalle le altre due acerrime contendenti    : Il Cagliari di Gigi Riva , detto “ Rombo di Tuono “ ed il Milan del “ Golden Boy “ del calcio italiano , Gianni Rivera.

Durante il campionato temeva di più il Cagliari di Gigi Riva o il Milan di Gianni Rivera?

Il Milan era , senz’ altro, considerata, all’ inizio di stagione ,    la squadra più accreditata a vincere il campionato,  ricolma , come era , di talenti calcistici del calibro di Prati, Sormani e l’ ex viola Harmin , piazzati lassù davanti , pronti a terrorizzare tutte le difese avversarie con cui si dovevano  misurare . A servizio di questo formidabile tridente,  ecco sulla tre quarti il  “ Golden Boy “ Gianni Rivera che ,  con le sue giocate ed i suoi assist pennellati col contagiri  , fece  la fortuna di tanti validi attaccanti che via via transitarono  dalle parti sia di Milanello  che di Coverciano  . Prova ne è che,  a fine stagione, “ l’ abatino” si portò a casa pure il pallone d’ oro. Inoltre la società rossonera , in quella stagione, poteva  contare , in mezzo ai pali , sul “ longilineo ” Fabio Cudicini, detto il  “ Ragno Nero “, colui il quale a fine campionato si divise , con Franco Superchi,   la palma di miglior portiere del campionato. Dunque il Milan era davvero un osso duro da dover  soppiantare , e la  grandezza dei ragazzi yè yè  , nella corsa finale verso il titolo, si giudicò anche dalla potenza di questo temibile   avversario con cui si dovette misurare . Un avversario , la squadra del “ Paron “ Rocco , che,  da lì a poche settimane,  dopo la fine campionato , riuscì a laurearsi  ,  nientemeno che , Campione d’ Europa , sconfiggendo l’ emergente Ajax del  “Pelè Bianco” Joahn Crujiff , al Santiago Bernabeu di Madrid, per 4 a 1. Tra gli opinionisti dell’ epoca c’era  anche chi sosteneva  che i continui  impegni della squadra rossonera in Coppa dei Campioni ,   in particolare nei  quarti di finale contro  gli scozzesi del Celtic di Glasgow ed in semifinale contro il Manchester United , avevano fatto smarrire negli  uomini di Nereo Rocco quella forza e concentrazione ,  invece , necessarie,  per tener testa  alle rivali  Fiorentina e Cagliari nella corsa finale  verso il titolo . Il Cagliari , al contrario  , era considerata in quel momento la squadra emergente, la quale,  oltre all‘ attaccante più forte mai esistito  nel secondo dopoguerra , ovvero Gigi Riva  , poteva contare,  in avanti, anche sul centravanti della nazionale italiana , Roberto Boninsegna , detto “ Bonimba .“ E poi l’ex viola Albertosi, il mediano Cera, il tornante Domenghini, la mezzala Nenè , il regista   ex viola Greatti  , sotto la regia di un altro maestro di calcio italiano  , il “ filosofo” Manlio Scopigno, componevano una squadra di tutto rispetto che  , da lì a poco , avrebbe scritto pagine importanti della  storia del calcio italiano .

Come colloca nella storia del calcio italiano un eccelso centrocampista come Giancarlo “Picchio” De Sisti?

 Gianfranco De Sisti , detto “ Picchio “ è stato uno dei più grandi centrocampisti italiani d’ ogni tempo,  dotato di una visione di gioco e di una intelligenza calcistica non comune , nonché di una resistenza atletica davvero sorprendente. Queste sue doti , unitamente  anche ad uno spiccato senso del goal , molto raro a quell’ epoca per un regista di centrocampo , convinsero  , via via , i vari commissari tecnici della nazionale a ritenerlo una pedina inamovibile nello scacchiere del centrocampo azzurro, una scelta che portava  spesso al sacrificio di giocatori ben più dotati di lui tecnicamente. Si pensi alle staffette messicane di Mazzola e Rivera del ’70 , con De Sisti , invece, immancabilmente schierato in campo sin dal primo minuto. Fu proprio  grazie  al suo grande carisma di uomo squadra che la Fiorentina e la Nazionale poterono ambire a traguardi così  importanti,  come quelli raggiunti a livello nazionale ed internazionale, nella seconda parte degli anni sessanta   .

C’è stato un giocatore che l’ha sorpresa maggiormente per il rendimento offerto?

Certamente i due giocatori che , in termini di rendimento, nel campionato 68/69, mi hanno sorpreso maggiormente , sono stati il portiere Franco Superchi ed , in particolare ,  nel girone di ritorno , il talentuoso attaccante esterno Luciano Chiarugi. Superchi,  in quella stagione , dimostrò di   essere una vera e propria saracinesca per gli attacchi avversari , con interventi straordinari da palo a palo che salvarono  la porta della Fiorentina in più di una occasione e che non fecero certo rimpiangere la mancata permanenza a Firenze del più quotato portiere  del Cagliari e della Nazionale Ricky Albertosi.  Chiarugi , dal canto suo, con l’ inizio del girone di ritorno, giornata dopo giornata , dimostrò di essere diventato il vero valore aggiunto della Fiorentina,   contribuendo con i suo goals, assists ed i suoi  dribbling al trionfo finale della squadra gigliata , facendo letteralmente impazzire sia i suoi marcatori diretti che cercavano,  invano,  di contenerlo sulla fascia   che, per opposte ragioni,  i  tifosi  più accaniti della curva Fiesole  .

 Crede che un giocatore come Ugo Ferrante abbia racconto meno di quanto meritasse a livello nazionale?

Ugo Ferrante e Giuseppe Brizi sono stati , sempre insieme, per tutti gli anni ’60 ed inizio ’70   sin dai tempi delle giovanili,  le due più importanti  colonne della difesa gigliata. Ferrante , nel corso della sua  meravigliosa carriera , ha avuto anche la soddisfazione di essere convocato da Valcareggi a Mexico ’70. Forse ,in quella circostanza,  il rammarico maggiore è di non averlo  potuto vedere  in campo a Toluca , in sostituzione di Comunardo Niccolai , costretto ad abbandonare il campo  in conseguenza di un incidente occorso  ,  in un duro scontro di gioco,   con il possente centravanti scandinavo Kindval. Purtroppo il grave  incidente subito dal gigante di Vercelli , nell’ incontro casalingo disputato contro la Roma , all’  inizio  del campionato 71/72, gli frenò  bruscamente il proseguo della sua carriera che continuò comunque in maniera eccellente con la casacca biancorossa del Lanerossi Vicenza.

Cosa pensa del nuovo corso intrapreso dalla Fiorentina sotto la gestione di Rocco Commisso?

Rocco Commisso è un presidente che personalmente considero d’ altra tempi perchè ,  sin da subito, con la sua forte personalità e la sua empatia ha  fatto presa sulla tifoseria gigliata , investendo massicciamente sulla causa viola ,  sia in fase di acquisizione societaria che in fase di rilancio della compagine gigliata    . Le premesse del suo avvento a capo della società Toscana, si sono subito dimostrate all’ altezza delle aspettative   , anche se sarà poi  necessario  comprendere , in proseguo, quanto Rocco Commisso , rispetto agli obiettivi prefissati, sia in grado  effettivamente a tener fede ai suoi propositi ,   nel medio e lungo termine ,  nel  rispetto forse troppo  vincolante delle  nuove e rigide regole del fairplay finanziario . Inoltre,  per dar seguito agli ambiziosi obiettivi già comunque pre fissati  ,  sarà  inoltre importante procedere , in tempi brevi,  alla progettazione ed alla realizzazione  di un nuovo stadio  o quantomeno della ristrutturazione del vecchio Franchi , per poter finalmente provare competere, sia a livello economico che sportivo,   con le altre più importanti realtà del calcio italiano . Insomma per concludere con una battuta : “ Speriamo di arrivare,  velocemente , da uno  scudetto ..commosso come quello dei  ragazzi yè yè del 1969 ad uno scudetto..Commisso dei nuovi ragazzi yè yè , quali spero potranno dimostrare di essere i vari  Chiesa , Vlahovic, Castrovilli..!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: